T12200_10.jpg

ASPETTANDO VENERE

Spazio5 and Teatro Pratiko were the promoters of the arrival in South Tyrol of "Venus of rags", the best-known work by Michelangelo Pistoletto, one of the most illustrious masters of Italian contemporary art. The aim of the project is to raise awareness in the territories concerned of the issues of geographical, mental and political borders, linking different and temporary marginalities, peripheries and views that are still alien to us.  

Spazio5 e Teatro Pratiko sono stati i promotori dell’arrivo in Alto Adige della “Venere degli stracci”, l’opera più conosciuta di Michelangelo Pistoletto, uno dei più illustri maestri dell’arte contemporanea italiana. Il progetto si è posto l'obiettivo di sensibilizzare i territori toccati sulle tematiche dei confini geografici, mentali, politici, allacciando di fatto marginalità differenti e provvisorie, periferie e sguardi ancora a noi estranei.  

In Bolzano, in-depth meetings and workshops were held in preparation for the arrival of the work. The journey of the Venus was documented by the director Manuel Canelles for a film of educational and cultural value. The project is supported by Cittadellarte - Fondazione Pistoletto, with the collaboration of Spazio5, embassy of the Third Paradise, and is part of the Platform of Contemporary Resistance. The Teatro Cristallo, the Liceo artistico Giovanni Pascoli and the OfficineVispa of Bolzano are project partners and have worked to break down the sense of fear and unease in young people towards the different through an exploration of the ethical and aesthetic meanings of Venus of the rags.

A Bolzano sono stati svolti incontri di approfondimento e workshop propedeutici all’arrivo dell’opera . Il viaggio della Venere è stato documentato dal regista Manuel Canelles per un film dal valore formativo e culturale. Il progetto è appoggiato da Cittadellarte - Fondazione Pistoletto, si avvale della collaborazione di Spazio5, ambasciata del Terzo Paradiso e si inserisce all’interno della Piattaforma delle resistenze contemporanee. Il Teatro Cristallo, il Liceo artistico Giovanni Pascoli e le OfficineVispa di Bolzano sono partner progettuali e hanno lavorato per abbattere nei ragazzi il senso di paura e di disagio verso il diverso attraverso un’esplorazione dei significati etici ed estetici della Venere degli stracci.

"Aspettando Venere", quando l’arte diventa partecipata - Journal Cittadellarte

T12200_10.jpg

01

TEATRO CRISTALLO

Two meetings have been organised at the Cristallo Theatre in Bolzano: the first, entitled "Introduction to Arte Povera" with Denis Isaia, curator of the Mart in Rovereto, focused on Arte Povera, the most representative Italian art movement of the period, in the broader historical context, thus tracing the coordinates that redefine our way of making and looking at art. The second, "Il loro rosso straccio di speranza" ("Their red rag of hope") in a meeting with the public led by Nicola Benussi, artistic director of the teatroBlu company and Frida Carazzato, curatorial assistant at the Museion Foundation, provided other ways of seeing, reading and perceiving one of the elements that make up Michelangelo Pistoletto's sculpture, namely the "rags". We will start from the definition of this term and trace a brief path that shows the different meanings this word has taken on in other artistic works. A "regeneration of rags", then, to use the expression Pistoletto himself used to present the Venus of rags in Lampedusa.

Al Teatro Cristallo di Bolzano sono stati organizza due incontri: il primo, intitolato “Introduzione all’Arte Povera” con Denis Isaia, curatore del Mart di Rovereto incentrato sull’Arte Povera, movimento artistico italiano più rappresentativo di quel periodo, nel più ampio contesto storico tracciando così le coordinate che ridefiniscono il nostro modo di fare e guardare l’arte. Il secondo, “Il loro rosso straccio di speranza” in un incontro con il pubblico condotto da Nicola Benussi, direttore artistico della compagnia teatroBlu e Frida Carazzato, assistente curatoriale della Fondazione Museion, sono stati forniti altri modi di vedere, leggere e percepire uno degli elementi che compongono la scultura di Michelangelo Pistoletto, ovvero gli “stracci”. Si partirà dalla definizione di questo termine fino a tracciare un breve percorso che mostra i diversi significati che questa parola ha assunto in altre opere artistiche. Una “rigenerazione degli stracci”, quindi, per utilizzare l’espressione con cui lo stesso Pistoletto ha presentato la Venere degli stracci a Lampedusa.

02

OFFICINE VISPA

At the OfficineVispa, located in Piazzetta Anne Frank, a process which, through graphic design and the use of printing techniques, has involved the inhabitants of the Casanova-Ortles suburb with the aim of constructing a participatory narrative of their own experience and living. The symbol of rags, waste and marginality will be positively turned upside down thanks to the preciousness and uniqueness of the stories of the neighbourhood that will be printed on the recycled fabrics. The scrap, revalued by the multiple uniqueness of the life stories of the inhabitants, will therefore take on a meaning of redemption; the rag will become a flag, understood as a prominence but also as a claim of belonging to a reality, the peripheral one, too often stigmatised. 
Each rag tells a story that builds a choral, positive and (re)qualifying tale. Involving directly the inhabitants of the neighbourhood and the students of the Faculty of Design and Art, moments will be organised to collect the stories, which will then be printed on the rags. 

Presso le OfficineVispa, che hanno sede in piazzetta Anne Frank, un percorso che, attraverso la progettazione grafica e l’utilizzo di tecniche di stampa, ha coinvolto gli abitanti del quartiere periferico Casanova-Ortles con l’obiettivo di costruire una narrazione partecipata del proprio vissuto e del proprio abitare. Il simbolo dello straccio, dello scarto e della marginalità verrà ribaltato positivamente grazie alla preziosità e all’unicità delle storie di quartiere che verranno impresse sui tessuti riciclati. Lo scarto rivalorizzato dalle molteplici unicità dei racconti di vita delle e degli abitanti, assumerà quindi un significato di riscatto; lo straccio diventerà bandiera, intesa come ribalta ma anche come rivendicazione di appartenenza ad una realtà, quella periferica, troppo spesso stigmatizzata. 
Ogni straccio racconta una storia che costruisce un racconto corale, positivo e (ri)qualificante. Coinvolgendo direttamente gli abitanti del quartiere  e gli studenti della Facoltà di Design e Arte, verranno organizzati i momenti di raccolta delle storie che solo successivamente verranno impresse sugli stracci. 

Schermata 2018-09-10 alle 11.53.47.png
42265907_2422543827756064_6027732930577563648_n.jpg

03

LICEO ARTISTICO PASCOLI

At the Liceo Artistico Pascoli in Bolzano, laboratories and workshops will be held on topics linked to the sphere of Arte Povera, such as ecology and sustainability, on the multiple meanings of the Venus of rags, travelling between - and beyond - borders, and on art as a practice of change. The Lyceum will also launch a thematic competition on the Third Paradise, between philosophy (human and social sciences) and art, open to all students of the various courses and aimed at an exhibition of the projects/elaborations in the ESCAPE gallery, a space connecting the school and the city/neighbourhood. Thanks to the support of Cittadellarte/Fondazione Pistoletto, Maestro Michelangelo Pistoletto visited Bolzano during the project, meeting the students working on the values of the Third Paradise.


Presso il Liceo Artistico Pascoli di Bolzano laboratori e workshop sui temi legati alla sfera dell’Arte Povera, come ecologia e sostenibilità, sui molteplici significati della Venere degli stracci, in viaggio tra – e oltre – i confini, e sull’arte come pratica di cambiamento. Il liceo attiverà inoltre un bando tematico sul Terzo Paradiso, tra filosofia (scienze umane e sociali) e arte, aperto a tutti gli studenti dei vari indirizzi e finalizzato ad una esposizione dei progetti/elaborati nella galleria ESCAPE, spazio di connessione tra scuola e città/quartiere. Grazie al sostegno di Cittadellarte/Fondazione Pistoletto, il Maestro Michelangelo Pistoletto ha poi visitato Bolzano durante il progetto, incontrando gli studenti che operano sui valori del Terzo Paradiso.

04

STRACCI PER UN VIAGGIO

Educational art workshop for primary schools dedicated to the themes surrounding Pistoletto's work: rags as symbols of an individual and collective journey that crosses all cultures and comes down to us. Conducted by Gruppo Immagine di Trieste - Cultural Association founded by Bruno Munari.

Laboratorio didattico artistico per la scuola primaria dedicato ai temi che circondano l'opera di Pistoletto: gli stracci come simboli di una viaggio individuale e collettivo che attraversa tutte le culture e giunge fino a noi. Conduce Gruppo Immagine di Trieste – Associazione Culturale fondata da Bruno Munari.

5bb909_9cfcf0ffca1a40b28d20cc7b0e7010c1_mv2_d_5472_3648_s_4_2.webp

05

CREDITI

The project "Waiting for Venus" is the brainchild of Cittadellarte-Fondazione Pistoletto and Spazio5, a place for contemporary art design and production and the embassy of Pistoletto's Third Paradise. It is curated by Teatro Cristallo, OfficineVispa and Liceo Pascoli of Bolzano, with the participation of Mart, Museion, Unibz and Spazio Off. It is part of the Piattaforma delle Resistenze Contemporanee and is supported by the Autonomous Province of Bolzano, the Autonomous Province of Trento and the Region.

Il progetto “Aspettando Venere” nasce da un’idea di Cittadellarte-Fondazione Pistoletto e da Spazio5, luogo di progettazione e produzione artistica contemporanea e ambasciata del Terzo Paradiso di Pistoletto ed è curato dal Teatro Cristallo, dalle OfficineVispa e dal Liceo Pascoli di Bolzano, con la partecipazione del Mart, di Museion, di Unibz e di Spazio Off. Rientra nelle proposte della Piattaforma delle Resistenze Contemporanee e gode del sostegno della Provincia autonoma di Bolzano, della Provincia autonoma di Trento e della Regione.

2017-multicolor3.jpg